Dalla parte di Testadura: ontologia e percezione