Cosimo Ridolfi, i "campagnoli toscani" e la Cassa di Risparmio di Firenze in periodo preunitario