A proposito del "Laudario di Modena"