Dittico domenicano: Ambrogio Sansedoni e Giordano da Pisa