Attorno a Iacopone: un altro "Stabat Mater dolorosa"