Vittorio Sereni: prigionia e memoria