I rifiuti dell’attività estrattiva: il caso Piemontese