Una "mutazione genetica" del cattolicesimo italiano?