Anna Quindlen, Londra immaginata