A proposito del prologo della "Fedra" di Seneca