La sent. n. 88 del 1992: un’alternativa alle “additive di prestazione”?