La condizione postuma della poesia: Sereni fra «Gli strumenti umani» e «Stella variabile»