«La libellula»: Amelia Rosselli nel labirinto degli anni Sessanta