A proposito della monografia sui Winspeare di Maria Marcella Rizzo