Girarrosti e rotte bloccate: lo spazio circolatorio transnazionale turco