Il ritorno del figliol prodigo. Ovvero l’Almirante “democratico”