L’analisi dell’ elettroencefalogramma (EEG) ha da sempre attirato i neurofisiologi per studiare i pazienti affetti da sintomatologie dolorose. Negli ultimi dieci anni il rapido sviluppo di metodiche computerizzate ha permesso di compiere un’analisi sempre più precisa dell’attività corticale. Tra le tecniche di misurazione quantitativa dell’attività elettrica cerebrale e di mappaggio topografico le più diffuse per lo studio del dolore clinico e sperimentale nell’uomo sono la densità dello spettro di frequenza (cotical power spectrum CPS), l’analisi della coerenza, i potenziali evocati cerebrali.

Attività elettrica cerebrale e percezione dolorifica

AMANZIO, Martina;BENEDETTI, Fabrizio
2000

Abstract

L’analisi dell’ elettroencefalogramma (EEG) ha da sempre attirato i neurofisiologi per studiare i pazienti affetti da sintomatologie dolorose. Negli ultimi dieci anni il rapido sviluppo di metodiche computerizzate ha permesso di compiere un’analisi sempre più precisa dell’attività corticale. Tra le tecniche di misurazione quantitativa dell’attività elettrica cerebrale e di mappaggio topografico le più diffuse per lo studio del dolore clinico e sperimentale nell’uomo sono la densità dello spettro di frequenza (cotical power spectrum CPS), l’analisi della coerenza, i potenziali evocati cerebrali.
Il dolore e la mente
Springer-Verlag, Italia
243
248
M. AMANZIO; BENEDETTI F
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2318/73382
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact