L’immigrazione in una città riflessiva