Sull'inutilità degli studi letterari in generale e su quelli di anglistica in particolare