Dal contrasto tra i "due mondi" alla continuità: le tre edizioni di 'The World We Have Lost'