Sulla nozione di rappresentante quale destinatario della confessione stragiudiziale