Metafore e quotidiana diversità (seconda parte)