Il lavoro di gruppo nelle classi eterogenee e il rischio esclusione (terza parte)