Costruzioni senza fine? Un problema per il costruttivismo goodmaniano