Origene e Ambrogio: l'indipendenza dell'intellettuale e le pretese del patronato