Europa e "class action": «stato dell’arte» e delimitazioni di campo