"...perché gli attori imparino a non giocare con la vita altrui...". A proposito di Nov. Iust. 53.1-4