Gli opposti incongruenti: un paralogismo kantiano?