John Fante: lo scrittore come outsider