Alfieri, "Antigone": una tragedia assai improbabile