L’ontologia di Wolff: un’ombra lunga sulla teoria dell’oggetto