L’articolo analizza il rapporto dei cultural studies anglosassoni con altre discipline, in particolare con l’antropologia e le filosofie della differenza di matrice francofona. Partendo dal modo in cui nozioni di identità e differenza vengono utilizzate e definite da Stuart Hall, viene discussa la rilevanza teoretica dei cultural studies anglosassoni in relazione alla possibilità di edificare una critica del presente, attenta sia alle istanze provenienti dal pensiero postcoloniale, sia all’esigenza di fondare su basi nuove un insieme di valori universalmente condivisi.

Qui a peur des Cultural Studies? Sur la politisation des sciences humaines entre anthropologie et ontologie de l’actualité

LEGHISSA, Giovanni
2007

Abstract

L’articolo analizza il rapporto dei cultural studies anglosassoni con altre discipline, in particolare con l’antropologia e le filosofie della differenza di matrice francofona. Partendo dal modo in cui nozioni di identità e differenza vengono utilizzate e definite da Stuart Hall, viene discussa la rilevanza teoretica dei cultural studies anglosassoni in relazione alla possibilità di edificare una critica del presente, attenta sia alle istanze provenienti dal pensiero postcoloniale, sia all’esigenza di fondare su basi nuove un insieme di valori universalmente condivisi.
26, autumn-winter 2007
55
73
cultural studies - antropologia culturale - epistemologia delle scienze umane
Giovanni Leghissa
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/86360
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact