Intellettuali: la parola e la cosa