Chiaroscuri di una città: Anais Nin e Gertrude Stein