Roger Fry, Paul Cézanne e la modernità dei classici