Un tassello o un cuneo nella "chiamata in sussidiarietà" ad opera della Corte costituzionale?