“Cittadini” e “Stati”: i fondamenti della legittimità democratica