La “cosmetica” del ms. W 478 della Walters Art Gallery di Baltimora e la tradizione secretistica: edizione e indagine lessicale