Il DNA degli islandesi: a chi giova?