Sulla sferololgia di Peter Sloterdijk