Uscire dalla caverna: la somiglianza invece dell'identità