La scrittura di viaggio e la “geocritica”