Giuseppe Conti, figlio di una generazione bastarda