“Amarcord”: il fascismo, un incubo a fumetti