“Strutture rotatorie”: considerazioni su una tecnica compositiva pucciniana