In margine a un recente commento al De tranquillitate animi di Seneca