Il lavoro si propone di individuare il ruolo che le regioni sono chiamate a svolgere nelle procedure connesse con la disciplina degli aiuti pubblici alle imprese in materia ambientale. Al fine di inquadrare l’argomento, l’articolo descrive preliminarmente la disciplina dell’Unione in materia di aiuti di stato per poi passare a considerare l’ambito delle competenze regionali nell’erogazione degli aiuti pubblici a finalità ambientale. La necessità di una riflessione sul tema è particolarmente avvertita oggi a seguito della riforma del titolo V della Costituzione che ha ridisegnato le competenze delle regioni anche con riferimento ai rapporti con l’Unione europea. In questo senso, il lavoro intende rappresentare i nodi problematici originati dal riparto di competenze tra Stato e regioni in materia ambientale in relazione alla disciplina degli aiuti pubblici alle imprese. In conclusione, il lavoro suggerisce che i momenti conflittuali e le difficoltà, previamente individuati, possono trovare una composizione nel modello cooperativo/consensuale, che dovrebbe svilupparsi sia nei rapporti tra regioni e Stato sia nei rapporti “diretti” con l’Unione europea. Questa direzione pare tra l’altro indicata anche dalla Commissione negli Orientamenti sulla procedura di esame semplificata in tema di aiuti pubblici del 2009.

Aides d’État en matière d’environnement et compétences régionales / Porchia. - In: REVUE DES AFFAIRES EUROPEENNES. - ISSN 1152-9172. - STAMPA. - 2007-2008(2010), pp. 761-774.

Aides d’État en matière d’environnement et compétences régionales

PORCHIA, Ornella
2010

Abstract

Il lavoro si propone di individuare il ruolo che le regioni sono chiamate a svolgere nelle procedure connesse con la disciplina degli aiuti pubblici alle imprese in materia ambientale. Al fine di inquadrare l’argomento, l’articolo descrive preliminarmente la disciplina dell’Unione in materia di aiuti di stato per poi passare a considerare l’ambito delle competenze regionali nell’erogazione degli aiuti pubblici a finalità ambientale. La necessità di una riflessione sul tema è particolarmente avvertita oggi a seguito della riforma del titolo V della Costituzione che ha ridisegnato le competenze delle regioni anche con riferimento ai rapporti con l’Unione europea. In questo senso, il lavoro intende rappresentare i nodi problematici originati dal riparto di competenze tra Stato e regioni in materia ambientale in relazione alla disciplina degli aiuti pubblici alle imprese. In conclusione, il lavoro suggerisce che i momenti conflittuali e le difficoltà, previamente individuati, possono trovare una composizione nel modello cooperativo/consensuale, che dovrebbe svilupparsi sia nei rapporti tra regioni e Stato sia nei rapporti “diretti” con l’Unione europea. Questa direzione pare tra l’altro indicata anche dalla Commissione negli Orientamenti sulla procedura di esame semplificata in tema di aiuti pubblici del 2009.
2007-2008
761
774
Unione europea; disciplina aiuti pubblici alle imprese
Porchia
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
l-italia e il diritto ue.pdf

Accesso riservato

Tipo di file: POSTPRINT (VERSIONE FINALE DELL’AUTORE)
Dimensione 1.39 MB
Formato Adobe PDF
1.39 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/103434
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact