L'ordinanza del sindaco di Rovato e il pericolo di "contaminazione" dei valori cristiani. Nota a margine di un atto "considerato radicalmente nullo"