Nell’ambito di un sistema pianificato di sorveglianza per le malattie infettive trasmesse con gli alimenti, i ceppi patogeni di Escherichia coli rappresentano un problema di salute pubblica di rilevante importanza. Accanto a ceppi innocui, commensali dell’intestino dell’uomo e degli animali, si sono sviluppati ceppi patogeni caratterizzati dal possedere geni codificanti per determinati fattori di virulenza. L’identificazione di questi ceppi risulta particolarmente difficile, in quanto non presentano caratteristiche colturali e biochimiche diverse dai ceppi non patogeni. Lo scopo di questo lavoro è stato quello di caratterizzare ceppi di E.coli in base alla loro virulenza, ricercando i caratteri genetici per mezzo di un aPCR-multiplex. Gli alimenti campionati e sottoposti ad analisi sono stati 225 campioni di latte crudo vaccino , 108 di formaggi di latte vaccino ed 137 di carne , commercializzati nell’area urbana di Torino. I risultati indicano la presenza di ceppi patogeni di E.coli nel 12,6% dei campioni di latte, nel 14,3% di formaggi e nel 54% di carne di maiale. Il carattere genetico di patogenicità più frequentemente isolato è stato l’ eaeA.

Diffusione di ceppi di Escherichia coli patogeni in carni e prodotti lattiero-caseari commercializzati nel torinese

AMISANO, Gabriella;CARAMELLO, Stefano;
2004

Abstract

Nell’ambito di un sistema pianificato di sorveglianza per le malattie infettive trasmesse con gli alimenti, i ceppi patogeni di Escherichia coli rappresentano un problema di salute pubblica di rilevante importanza. Accanto a ceppi innocui, commensali dell’intestino dell’uomo e degli animali, si sono sviluppati ceppi patogeni caratterizzati dal possedere geni codificanti per determinati fattori di virulenza. L’identificazione di questi ceppi risulta particolarmente difficile, in quanto non presentano caratteristiche colturali e biochimiche diverse dai ceppi non patogeni. Lo scopo di questo lavoro è stato quello di caratterizzare ceppi di E.coli in base alla loro virulenza, ricercando i caratteri genetici per mezzo di un aPCR-multiplex. Gli alimenti campionati e sottoposti ad analisi sono stati 225 campioni di latte crudo vaccino , 108 di formaggi di latte vaccino ed 137 di carne , commercializzati nell’area urbana di Torino. I risultati indicano la presenza di ceppi patogeni di E.coli nel 12,6% dei campioni di latte, nel 14,3% di formaggi e nel 54% di carne di maiale. Il carattere genetico di patogenicità più frequentemente isolato è stato l’ eaeA.
121
229
241
AMISANO G.; S. CARAMELLO; Chiarelli S.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
igiene moderna.pdf

Accesso riservato

Tipo di file: POSTPRINT (VERSIONE FINALE DELL’AUTORE)
Dimensione 6.54 MB
Formato Adobe PDF
6.54 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/104992
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact