Szymborska, più bella è l’incertezza